Voglia di volo. Dal sogno di diventare pilota della Pattuglia Acrobatica, a pilota di aerei radiocomandati

 
Sono Stefano Nicelli, giornalista, e anch'io aeromodellista che da circa 5 anni frequenta il Gruppo modellisti sportivi di Ceriano Laghetto (MB). Volevo segnalarti che proprio in questi giorni ho pubblicato un libro che racconta in chiave talvolta autoironica, altre volte emozionale ma sempre e comunque con il sorriso sulle labbra, la mia esperienza di pilota di modelli RC che da "pulcino", grazie all'insegnamento dei colleghi del campo, mi ha fatto diventare un "aquilotto". Il tutto a circa 50 anni d'eta', dopo una vita da appassionato di aeronautica.
Il volume, il cui titolo e' "Voglia di volo. Dal sogno di diventare pilota della Pattuglia Acrobatica, a pilota di aerei radiocomandati" (114 pp, Euro 10,40), è da un paio di giorni disponibile su Amazon, a questo link:  https://www.amazon.it/dp/1981085475/


Premetto fin da subito, come scrivo nell'introduzione, non mi metto in cattedra, semmai "sono semplicemente un giornalista appassionato, e come tale osservo, vivo sulla mia pelle e partecipo a quel microcosmo sociale che anima una semplice striscia d’erba che e' il campo volo. E lo traduco, con simpatia, ironia, mettendomi io stesso in gioco. Sono infatti innumerevoli gli episodi personali, i successi e gli insuccessi, che racconto. E tutti sono assolutamente fedeli a cio' che e' accaduto, salvo rileggerli a distanza con la lente dell’autoironia".
Un libro insomma dove tanti "pulcini" potranno rispecchiarsi e capire come sono potuti diventare "aquilotti" a suon di successi ma anche insuccessi e litri di adrenalina da paura.
Detto questo concludo specificando che, credimi, l'aver scritto questo libro non e' affatto una ricerca di qualche euro facile (come ho scritto al direttore delle Edizioni , "con i proventi forse potro' comprare una batteria da 3 celle fra un anno..."); semmai un atto d'amore per un'attivita' che mi sta dando tanto, che voglio condividere e che gli amici del campo continuano ad insegnarmi ad amare.